Indice

1. Sciatica
2. Artrite Reumatoide
3. Osteoporosi
4. Emicrania
5. Dismenorrea
6. Infertilità
7. Gastrite
8. Cistite
9. Menopausa
10. Tabagismo
11. Ipertensione
12. Insonnia
13. Obesità
14. Stress e pnei
15. Cistite interstiziale
16. Psoriasi
17. Occhio secco
18. Viaggi
19. Acufeni
20. Allergie-Asma
21. Gravidanza e neonato
22. Due riflessioni
23. Stipsi
24. Vertigini
25. Cani e Gatti
26. Tipi Omeopatici
27.Bambino-psiche
28.Sport
29.Disturbi venosi
30.Salute obbligatoria
31.Cuore
32.Neonato-mamma-papà
33.Memoria
34.Anziano-aspetti nutrizionali e pnei
35.Colesterolo
35-bis.Colesterolo-bis
36.Acne
37.Anemie
38.Tosse-Omeopatia
39.Enuresi
40.Reflusso gastro-esofageo
41.LEI e LUI
42.LEI e LUI seconda puntata
43.LEI e LUI terza puntata
44.Raffreddore
45.Un po' di respiro
46.Influenza
47.Adolescenza
48.Chakras
49.Ayurveda
50.Medicina cinese
51.DENTI parte prima
52.DENTI parte seconda
53.DENTI parte terza
54.CAPELLI parte prima
55.CAPELLI parte seconda
56.FITOTERAPIA
57.diabete-parte prima
58.diabete-parte seconda
59.Trattamento viscerale
60.Pelle
61.Cronobiologia
62.ANORESSIA parte prima
63.ANORESSIA parte seconda
64.Alcolismo
65.Colori
66.Fegato parte prima
67.Fegato parte seconda
68.Posture
69.Fermenti intestinali parte prima
70.Fermenti intestinali parte seconda
71.Epitrocleite
72.TIROIDE parte prima
73.TIROIDE parte seconda
74.SALUTE E MALATTIA
75.CONGIUNTIVITI
76.OTITE parte prima
77.OTITE parte seconda
78.ORMONI parte prima
79.FISIOGNOMICA
80.ORMONI parte seconda
81.COSMETICI
82.ORMONI parte terza
83.METAFISICA
84.EPIFISI
85. Perchè rinunciare?
86.INQUIETUDINI DI FERRUM METALLICUM
87.ICTUS
88.ICTUS parte seconda
89.Mantra
90.KINESIOLOGIA
91.Fiori di Bach
92.Sogni
93.Odori
94.Gli occhiali
95.La vista
96.Il tatto
97.Il gusto
98.Udito
99.Energia e Cosmo
100.Cento
101.VERATRUM ALBUM
102.EFT
103.Lupus
104.Cavoli
105.Farmaci
106.COLON IRRITABILE parte prima
107.COLON IRRITABILE parte seconda
108. MEDICINA CINESE ancora
109.Il corso di EFT
110.Corsi permanenti
111.Calcoli renali
112.DRENAGGIO
113.Metabolismo2-Fascia
114.PRANOTERAPIA
115.Morbo di Crohn
116.Dolori muscolari
117.Alitosi
118.Carotenoidi
119.Le voglie matte
120.IRIDOLOGIA parte prima
121.IRIDOLOGIA parte seconda
122.HERPES
123.DANNI DEI FARMACI PER LO STOMACO parte prima
124.DANNI DEI FARMACI PER LO STOMACO parte seconda
125.Storia delle babbucce
126.IDROTERAPIA
127.PARODONTITE
128.MEDITAZIONE SUL CUORE
129.LA MORTE DEGLI ALTRI
130.Il sole e la pelle
131.ENFISEMA POLMONARE parte prima
132.ENFISEMA POLMONARE parte seconda
133.Sistema immunitario cerebrale
134.Spagirica
135.TRAUMA DA PARTO
136.SPIGOLATURE
137.I GRASSI
138. Fico d'India
139.Occhi e mirtillo
140.PSICOSOMATICA
141.PSICOSOMATICA parte seconda
142.PSICOSOMATICA parte terza
143.Contatti estenuanti
144.Omeopatia per la pelle
145.HIV
146.CISTI OVARICHE
147.TUMORI
148.Singhiozzo
149.TEMPO DI BILANCI
150.NAUSEA E VOMITO
151.Test per la coppia
152.FEBBRE
153.PARKINSON
154.Minerali da antica farmacia
155.Omotossicologia e metabolismo
156.MEDICINA TIBETANA parte prima
157.DERMATITI E DERMATOSI
158.TRE BIOTIPI
159.Jung
160.GAMBE SENZA RIPOSO
161.Due prodotti delle api
162.ATTACCHI DI PANICO
163.ESAMI DELLE URINE
164.VERMI
165.AVVELENAMENTI parte prima
166.AVVELENAMENTI parte seconda
167.Alcuni alimenti
168.DIVERTICOLI
169.PENSARE POSITIVO
170.Naja Tripudians
171.Tumori 2
172.Unghie
173.Pensare col corpo
174.Gambe disturbi venosi
175.SCLEROSI MULTIPLA
176.Malattie autoimmuni
177.SCLERODERMIA
178.Rimedi per gli occhi
179.INTEGRATORI PER MAMMA
180.PSICHE E FIORI DI BACH parte prima
181.PSICHE E FIORI DI BACH parte seconda
182.PSICHE E FIORI DI BACH parte terza
183.PSICHE E FIORI DI BACH parte quarta
184.PSICHE E FIORI DI BACH parte quinta
185.PSICHE E FIORI DI BACH parte sesta
186.PSICHE E FIORI DI BACH parte settima
187.PSICHE E FIORI DI BACH parte ottava
188.PSICHE E FIORI DI BACH nona e ultima parte
189.Gli oli essenziali
190.OMEOPATIA PER INSONNIA DEL BAMBINO
191.CONSIDERAZIONI SULLA SALUTE
192.Macchie scure sulla pelle
193.Blefarite
194.IPERTENSIONE alcune piante
195.DIFESE IMMUNITARIE
196.ALZHEIMER
197.PIANTE ANTI-STRESS
198.FEGATO parte terza
199.Lavaggio energetico
200.Colpo di fulmine tra due LACHESIS
201.ALOE parte prima
202.Maculopatia degenerativa
203.Fluidificanti del sangue
204.ALLERGIE parte prim
205.ALLERGIE parte seconda
206.ALLERGIE parte terza
207.DEMENZA SENILE
208.INSUFFICIENZA RENALE
209.Quanto siamo aciduli
210.Non è tutto cromo ciò che brilla
211.DALLO SPIRITO ALLA MATERIA
212.Pancreatite
213.Raffinate ed accurate primitive terapie
214.Dermatite seborroica
215.RIMEDI PER BAMBINI
216.SCUOLA SALERNITANA parte prima
217.SCUOLA SALERNITANA parte seconda
218.SCUOLA SALERNITANA parte terza
219.Controllo e Ascolto
220.OLIO DI GERME DI GRANO
221.ORTICARIA
222.REFLUSSO GASTRO-ESOFAGEO parte seconda
223.INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO
224.STORIE DI ORDINARIO TORMENTO parte prima
225.STORIE DI ORDINARIO TORMENTO parte seconda
226.DIETA BASE e BAMBINO IPERCINETICO
227.ARTRITE E DOLORI ARTICOLARI
228.RIEDUCAZIONE DELLA PERCEZIONE SONORA
229.OBESITA INFANTILE
230.UNA MEDITAZIONE PER CORREGGERE LE REAZIONI RIPETITIVE
231.ANCORA CUORE
232.VACCINI
233.Balbuzie
234.PAROLE DIFFICILI idiopatico
235.SCOLIOSI
236.Percorsi benessere con regalo
237.DIURESI alcune piante utilissime
238.DIETA BASE
239.ALCHIMIA
240.RADIOTERAPIA un sostegno omeopatico per limitare i danni
241.CORSO ACCELERATO DI OMEOPATIA
242.ANALISI FISIOGNOMICA di un attore
243.CHILI DI TROPPO
244.CHILI DI TROPPO parte seconda
245.ARGILLA
246.Memoria e concentrazione
247.LE PAROLE DIFFICILI escara e flittena
248.ABBASSAMENTO RENALE
249.ALIMENTI FERMENTATI
250.MELATONINA
251.SONDAGGIO
252.Ottuso dogmatismo
253.Ancora fegato
254.PRANAYAMA parte prima
255.PRANAYAMA parte seconda
256.CEFALEA
257.Alimentazione spigolature
258.LE PAROLE DIFFICILI Fotosensibilizzazione
259.ANCORA RENE
260.MEDITARE STANDO AFFACCIATI
261.PRESSIONE ALTA parte prima
262.IPERTENSIONE parte seconda
263.OGM prodotti transgenici
264.Abusi della sanità
265.PRODOTTI SOLARI
266.Ricette mediterranee
267.IPERTENSIONE parte terza
268.TUMORI parte terza
269.COSE DI DONNE
270.Falsi bisogni creati dal mercato
271.IPERTENSIONE parte quarta
272.ANTICHE RICETTE una conserva di susine
273.LE PAROLE DIFFICILI Palliativo
274.STIPSI
275.TAURINA
276.IPERTENSIONE parte quinta
277.INQUINAMENTO ACUSTICO
278.DERMATITE ATOPICA
279.SAPORE DI SALE
280.PARACELSO
281.Metalli pesanti e danni alla pelle
282.IPERTENSIONE parte sesta RIMEDI NATURALI
283.MIA CONFERENZA
284.MALATTIE AUTOIMMUNI parte prima
285.MALATTIE AUTOIMMUNI parte seconda
286.SISTEMA NERVOSO DUE NOTE
287.LE PAROLE DIFFICILI Deontologia e Metastasi
288.IPERTENSIONE parte settima
289.ALLUCE VALGO
290.VERTIGINI fitoterapia
291.DISTURBI INVERNALI DEL BAMBINO
292.ASPETTI PSICHICI DI ALCUNI RIMEDI OMEOPATICI parte primaO
293.OMOTOSSICOLOGIA
294.ASPETTI PSICHICI DI ALCUNI RIMEDI OMEOPATICI parte seconda
295.Buon Natale filosofeggiando
296.ASPETTI PSICHICI DI ALCUNI RIMEDI OMEOPATICI parte terza
297.ASPETTI PSICHICI DI ALCUNI RIMEDI OMEOPATICI parte quarta
298.ASPETTI PSICHICI DI ALCUNI RIMEDI OMEOPATICI parte quinta
299.ASPETTI PSICHICI DI ALCUNI RIMEDI OMEOPATICI parte sesta e ultima
300.DISTURBI INTESTINALI antichissima ricetta
301.Donna e iperandrogenismo
302.FISIOGNOMICA APPLICATA AI RIMEDI OMEOPATICI
303.Possibile prevenire il tumore al fegato con il Chelidonium
304.Litoterapia
305.Fitoterapia per emicrania
306.Parole difficili della medicina OSTEOFITI
307.IL DOLORE DEI NOSTRI ANIMALI
308.RAVANELLO
309.Tre tipi di pepe
310.RUGHE
311.DISTURBI DELLA PROSTATA
312.FERMENTI INTESTINALI
313.PRANOTERAPIA
314.MENINGITE
315.Parole difficili della medicina FISTOLE
316.CLORURO DI MAGNESIO
317.PANNOLINI PER BAMBINI
318.Le emozioni depositate sui denti
319.Meditazione sulla vergogna
320.ANTIOSSIDANTI
321.Malattie autoimmuni
322.INSONNIA punti da trattare
323.Parole difficili in medicina STEATOSI EPATICA
324.Carota
325.Cicatrizzazione
326.Strategie di bisogno e potere
327.ENZIMI
328.Lampone
329.Commento durante la breve vacanza
330.LE PAROLE DIFFICILI DELLA MEDICINA apoptosi e necrosi
331.Nasce la nuova associazione TING
332.ALOPECIA AREATA rimedio Ayurvedico
333.LAVAGGIO EPATICO
334.Incontri autunnali
335.Sindrome di Dupuytren
336.Abuso di farmaci
337.TOSSE parte prima
338.Corso di alimentazione
339.TOSSE parte seconda
340.TOSSE parte terza
341.TOSSE parte quarta
342.MEDITAZIONE SULLE PAURE
343.Interazione individuo e ambiente
344.Respirazione
345.Epifisi e melatonina
346.Cefalea
347.Ibisco
348.CLa magia dei fermenti
349.LEDUM PALUSTRE
350.Unghia di gatto
351.Cicoria
352.Respirazione
353.Albero della vita e scelta di un rimedio
354.Studiare da adulti
355.Meditazione per essere autorevole
356.Tre piante per gli occhi
357.Metabolismo
358.Un consiglio disinteressato
359.Gengivite
360.Diarrea del bambino
361.Fiori di Bach per uscire da una dipendenza
362.Sulfur
363.Linfa e tessuto connettiv
364.Anatomia della fascia
365.GOLA
366.Fiori di Bach per il neonato
367.Note sul cuore
368.Artemisia
369.Codici biologici
370.Rimedi omeopatici per insonnia e paziente scettico
371.Piselli
372.Rimedi per cani
373.Un decotto antico per depurarsi
374.Un caso di diabete di tipo II
375.ALOE
376.Le radici del desiderio
377.Alzheimer approfondimento
378.Colori
379.Colori per la casa
380.USO PERSONALE DEI COLORI
381.DERMATOMERI E METAMERI
382.La nostra pelle
383.Omeostasi, salute e malattia
384.Parole difficili della medicina ACROMEGALIA
385.DERMATITE un questionario utile
386.Citrus aurantium
387.Fibromialgia
388.Piante per gli occhi
389.Coliche addominali del bambino
390.Disturbi mentali
391.Piccola pausa
392.Raffreddore
393.SISTEMA IMMUNITARIO storiella horror-humor
394.ALIMENTAZIONE tre note
395.ASMA rimedi omeopatici
396.ARNICA rimedi omeopatici
397.Rhus Toxicodendron
398.Zucca
399.Corso di fitoterapia online
400.Conferenza su Cuore e dislipidemie

giovedì 1 gennaio 2009

Seconda Paziente







giovedì 1 gennaio 2009








La seconda paziente era una giovane impiegata, Rita Terra De Muto. Da qualche anno soffriva di dolori alla zona cervicale e le era stata diagnosticata un’artrite reumatoide. Aveva studiato il suo caso e ciò era servito solo ad accrescere le sue preoccupazioni, specie quando aveva letto un articolo che parlava di possibile erosione del dente dell’epistrofeo. Quando il dolore era sedato dalle regolari dosi di cortisonici e FANS, era tormentata dall’angoscia per il futuro e dagli effetti collaterali dei farmaci che ormai stavano diventando dei disturbi cronici aggiuntivi. Concluse le sue lamentazioni dicendo che non c’era molto da fare, essendo le cartilagini destinate a consumarsi inesorabilmente. Il medico le aveva proposto di iniziare con i farmaci più nuovi, anticorpi monoclonali, sottolineando che erano prodotti con la biotecnologia.
Rita : ” Che termine ingannevole! Il prefisso bio- fa pensare a qualcosa di naturale, mentre si tratta di farmaci transgenici. Faccio questo tentativo qui da lei senza sapere nemmeno che genere di cura lei attua. Mi ha indirizzato a questo ambulatorio un collega, ancor più degno di fiducia in quanto ho assistito giorno per giorno ai miglioramenti ed infine alla guarigione definitiva dell’emicrania con aura di cui soffriva da molti anni, e per la quale assumeva parecchi farmaci ”.
Tumis : ” Certo la sua malattia è importante, e non possiamo sapere in che modo può evolversi, ma le propongo di fare un piccolo esercizio mentale: ogni volta che inizia il suo circolo vizioso di pensieri tragici, aggiunga anche che c’è sempre una percentuale di possibilità di migliorare e non necessariamente dovrà peggiorare.
Quanto alla cura che posso suggerire io non è una ma una serie. Dovrà affrontare da tutti i lati possibili il suo problema. E’ una malattia autoimmune ma deve anche pensare che questo termine attribuisce a lei la responsabilità di questa malattia. Il suo sistema immunitario non è un pezzo del suo corpo. Non è staccato dalla sua attività mentale ed emotiva. Tutti noi siamo un sistema mente-corpo e quindi dobbiamo smetterla di pensare alle nostre malattie come se si trattasse di un intruso che ci disturba.
Il lavoro che faremo insieme sarà:
(1) sul piano psicologico andare verso una maggior consapevolezza dei propri stati emotivi e loro rielaborazione; 
(2)sul piano corporeo le farò dei trattamenti di terapia cranio sacrale che serviranno sia a migliorare il trofismo delle articolazioni, sia ad allentare tutte le tensioni fasciali, sia a portare un rilassamento durevole e non limitato al tempo della seduta.
(3)Le prescriverò una dieta... no la prego, non dica che ne ha già fatte! Questa sarà basata sul test per le intolleranze e quindi escluderà determinati alimenti. Inoltre esaminando il suo assetto antropometrico posso già dirle che lei è un classico metabolizzatore rapido e perciò cambieremo in meglio il suo sistema metabolico alcalinizzando leggermente l’organismo e inserendo alcuni oligoelementi. 
Non sarà un percorso facile, e per diverso tempo avrà ancora bisogno di prendere i farmaci che ha usato finora. Però le darò anche dei rimedi omeopatici per poter ricorrere ai farmaci più forti in misura gradualmente minore.”

Dopo questo dialogo iniziale si sviluppa una serie di sedute abbastanza frequenti, dato che la paziente ha scelto di alternare i trattamenti profondi, svolti in silenzio, a trattamenti di solo dialogo con eventuale allentamento dello stress attraverso il tocco di determinati punti, man mano che lo esprimeva in modo piuttosto melodrammatico.
Sul piano psico-emotivo emerse che la paziente covava risentimento verso la madre, di cui aveva sempre dovuto occuparsi, sia sul piano pratico che economico. Ma ovviamente il rapporto era molto complesso. La madre dipendeva da lei, e lei a sua volta non voleva accettare l’eventualità che essa non dovesse dipendere da lei. Era un circolo vizioso. Quando la madre prendeva iniziative sue, lei la rimproverava o contraddiceva. Pretendeva una madre obbediente, ma poi si lagnava di dover decidere e fare tutto sempre lei.
Sul piano costituzionale Rita è una Calcarea Fluorica. Viso triangolare con fronte ampia e mento a punta, ma con micrognanzia, cioè il massiccio facciale predominante ed il mento rientrato: classica facies da soggetto con artrite reumatoide giovanile. Tumis pensò che al momento opportuno avrebbe trattato anche il problema temporo-mandibolare. Allo stato attuale, tuttavia, i suoi lineamenti erano stravolti dall’uso costante di cortisonici, tanto che a prima vista sarebbe passata per una Calcarea Carbonica. Il collo era in iperestensione, si direbbe quasi in opistotono, per cui nella prima seduta cercò subito di affrontare in primo luogo l’infiammazione meningea, ed ebbe successo.
Ai test kinesiologici Rita risultò intollerante a patate, pomodori, melanzane e peperoni, che furono eliminati dalla sua dieta. Ma furono eliminati anche cioccolata, alcool, carni rosse, spezie e bevande effervescenti. Furono aboliti zenzero e carote, di cui faceva uso fin troppo abbondante, in quanto fonti di rame, il cui livello già era stato trovato alto al mineralogramma. Per colazione, al posto dei biscotti secchi, furono inserite noci, mandorle o altra frutta secca non tostata, che sarebbe servita a rallentare un po’ il metabolismo eccessivamente rapido.
Così come la testa, anche il corpo ha forma triangolare, “a mela” con spalle di larghezza maggiore del bacino. Rita confermò che come tendenza era iperattiva, in “moto perpetuo”, e la sua attuale condizione la opprimeva anche per questo: non sopportava l’idea di essere costretta ad un maggior riposo. D’altra parte quando cominciava il dolore era atroce ma si metteva una sciarpa pesante intorno al collo e iniziava a muoversi, perché man mano che si muoveva sentiva che il dolore diminuiva.
Su queste basi Tumis prescrive Calcarea Fluorica 30CH al mattino e Rhus Toxicodendron alla 9CH tre volte al giorno. Per alcalinizzare il suo metabolismo prescrive aceto di mele 1 cucchiaio in acqua al mattino mezz’ora prima di colazione. Come oligoelemento Zinco 1 fiala ogni 2 giorni.
Poi, da fare a casa ogni tre giorni un trattamento di idroterapia con fasciatura umida fredda. A prima vista sembra assurdo, ma non lo è. Questo trattamento infatti non ha come conseguenza quello di raffreddare il corpo, bensì quello di potenziare la funzione termoregolatoria, drenare le tossine attraverso la pelle, purificare il sangue, aumentare il rilassamento. Nella stanza da bagno ben scaldata, con una temperatura ambientale di circa 30°C, Rita dovette allestire un materassino. Con un telo da bagno abbastanza grande e bianco, intriso di acqua (alla temperatura normale come esce dal rubinetto cioè circa 15°C), e ben strizzato, Rita si avvolgeva il corpo dalle ascelle alle caviglie. Fatto ciò, di sdraiava sul materassino dove era poggiata come base una coperta di lana ed un lenzuolo bianco. SI copriva con altro lenzuolo bianco e 3 coperte di lana e faceva la sua “minisauna”. Dopo mezz’ora emergeva, si vestiva in fretta e cominciava le sue attività del mattino. 
Sembra un’operazione farraginosa, ma per Rita era un toccasana, tanto che avrebbe voluto farlo tutti i giorni.

Tre anni dopo, la nostra paziente poté dirsi guarita. Il follw up al quarto anno è ancora ottimo.
Tumis la saluta cordialmente: “Per ora posso dire che lei non ha più bisogno di me. Se dovesse tornare qualche piccola recidiva sa cosa fare. Per altri problemi, mi chiami pure, anche solo per consulenze telefoniche per problemi di poco conto o per un salutino. Piuttosto mi saluti tanto la mamma... come sta?”
“ Oh la mamma! Dimenticavo di dirle la cosa più importante che le farà capire la portata della mia trasformazione: la mamma a 60 anni, dopo 20 che è morto il papà, si è sposata e vive a 30 Km da casa mia. L’ha fatto con tutta la mia benedizione. E’ stato deciso tutto in fretta, perché sa: era fidanzata da molto tempo, ma non osava dirmelo. E’ successo in quel mese che lei era in vacanza e poi ci sono state anche le mie vacanze... insomma inutile fingere: ero pronta ad accettare un grande cambiamento e l’ho accettato ma non volevo dirlo a lei, Tumis, per non dargliela vinta dopo tutte le sfide emotive con cui mi pressava!” ... e scoppiò in una risata ammiccante.
Tumis : “ ma pensa un po’, ho dovuto fare anche la rompiballe !!!”

Rita non ha più alcun disturbo se non una leggera insufficienza venosa agli arti inferiori.... ma questa sarà un altra storia.

CONSIDERAZIONI SULL’ARTRITE REUMATOIDE

Alimentazione e integratori

Gli antiossidanti proteggono le articolazioni dal deterioramento. Le vitamine C ed E, il betacarotene, il té verde, ma, in particolare gli estratti di semi di VITE , proantocianidine, sono utili a questo scopo. Sono consigliati il pesce e l’olio di pesce. Utilissimo l’OLIO DI OLIVA, le verdure sia fresche che cotte; aglio, asparagi, carciofi, cavoli, cetrioli, cipolle, porri, rafano nero, ravanelli,uva, ciliege fragole ed agrumi.
Fitoterapia
ORTICA riesce a contrastare alcune citochine (TNF, fattore di necrosi tumorale e IL6-b interleuchina-6-beta) implicate nella distruzione della cartilagine e che provocano dolore e infiammazione. Molti pazienti hanno potuto ridurre a metà la dose di farmaci allopatici grazie all’uso di ortica. UNCARIA TOMENTOSA, BOSWELLIA SERRATA, ZENZERO. Lo zenzero inibisce la produzione di PG e2 e di ossido nitrico; in un certo senso ricalca l’azione dei fans infatti ha uno spiccato effetto antiaggregante.

aspetti emotivi
Pare che gli artritici abbiano una emozione in comune: il risentimento e una tendenza a controllare e manipolare le situazioni.



omeopatia
ACONITUM quando il dolore è acuto, improvviso e violento. Compare dopo esposizione al freddo asciutto. Spesso c’è febbre senza sudorazione, ansia e paura della morte. Migliora con il riposo e l’aria aperta. ANTIMONIUM CRUDUM quando il dolore violento si accompagna a disturbi gastrici. APIS dolori pungenti, che si instaurano bruscamente, peggiorano con il calore e migliorano scoprendosi e stando all’aria aperta. La zona dolente è gonfia ed edematosa. BELLADONNA dolori con poussées acute, febbre alta, la zona è arrossata e calda. I dolori migliorano con il riposo. BRYONIA quando il dolore si instaura lentamente, peggiora con il minimo movimento e migliora con il riposo e la pressione. Il paziente preferisce sdraiarsi sul lato dolente. Le articolazioni dolenti sono arrossate. CALCAREA CARBONICA quando i dolori si legano a scricchiolio e difficoltà nel movimento delle piccole articolazioni. DULCAMARA i dolori peggiorano con l’umidità, si aggravano la sera e con il riposo. LEDUM PALUSTRE Le articolazioni sono gonfie e calde. Peggiorano di notte e migliorano con applicazioni fredde. RHUS TOX dolori che migliorano con il movimento. Irrigidimento e formicolio. Il paziente migliora dormendo su qualcosa di rigido. I dolori peggiorano con la pressione sulla zona dolente. 




Per quanto riguarda gli aspetti che collegano le emozioni al piano fisico, consiglio un bellissimo libro, di facile lettura anche per i non addetti ai lavori: Molecole di emozioni di Candace Pert

3 commenti:

  1. le considerazioni sul piano emotivo le condivido in pieno: mia suocera ha sofferto sempre di artrite fin da giovane.... : è una persona che tende ad avere sempre il controllo delle situazioni e che cova risentimento da sempre....
    complimenti, gli argomenti fin qui trattati sono molto interessanti. un abbraccio
    Lina

    RispondiElimina
  2. Ha funzionato la cura? mio fratello ha 24 anni e soffre di artrite reumatoide. In passato ha sofferto anche di colite ulcerosa

    RispondiElimina
  3. Ha funzionato in un buon numero di casi e vale la pena di provare la via "olistica"… non si può mai essere sicuri al 100% nemmeno con la farmacologia ufficiale che anzi si limita a sopprimere il dolore ma non riesce ad eradicare questa patologia.

    RispondiElimina

Solo commenti in italiano

Informazioni personali

Le mie foto
Marina Salomone
Mi occupo di terapie olistiche dal 1983. Hobby principale il disegno: sono su Flickr sotto il nome di Marina Salomone
per chi fosse interessato a trattare questi argomenti in maniera più appofondita c' è sempre il mio sito web ufficiale: www.GurudiTamara.com
Visualizza il mio profilo completo

Lettori 5254

Archivio blog