Indice

1. Sciatica
2. Artrite Reumatoide
3. Osteoporosi
4. Emicrania
5. Dismenorrea
6. Infertilità
7. Gastrite
8. Cistite
9. Menopausa
10. Tabagismo
11. Ipertensione
12. Insonnia
13. Obesità
14. Stress e pnei
15. Cistite interstiziale
16. Psoriasi
17. Occhio secco
18. Viaggi
19. Acufeni
20. Allergie-Asma
21. Gravidanza e neonato
22. Due riflessioni
23. Stipsi
24. Vertigini
25. Cani e Gatti
26. Tipi Omeopatici
27.Bambino-psiche
28.Sport
29.Disturbi venosi
30.Salute obbligatoria
31.Cuore
32.Neonato-mamma-papà
33.Memoria
34.Anziano-aspetti nutrizionali e pnei
35.Colesterolo
35-bis.Colesterolo-bis
36.Acne
37.Anemie
38.Tosse-Omeopatia
39.Enuresi
40.Reflusso gastro-esofageo
41.LEI e LUI
42.LEI e LUI seconda puntata
43.LEI e LUI terza puntata
44.Raffreddore
45.Un po' di respiro
46.Influenza
47.Adolescenza
48.Chakras
49.Ayurveda
50.Medicina cinese
51.DENTI parte prima
52.DENTI parte seconda
53.DENTI parte terza
54.CAPELLI parte prima
55.CAPELLI parte seconda
56.FITOTERAPIA
57.diabete-parte prima
58.diabete-parte seconda
59.Trattamento viscerale
60.Pelle
61.Cronobiologia
62.ANORESSIA parte prima
63.ANORESSIA parte seconda
64.Alcolismo
65.Colori
66.Fegato parte prima
67.Fegato parte seconda
68.Posture
69.Fermenti intestinali parte prima
70.Fermenti intestinali parte seconda
71.Epitrocleite
72.TIROIDE parte prima
73.TIROIDE parte seconda
74.SALUTE E MALATTIA
75.CONGIUNTIVITI
76.OTITE parte prima
77.OTITE parte seconda
78.ORMONI parte prima
79.FISIOGNOMICA
80.ORMONI parte seconda
81.COSMETICI
82.ORMONI parte terza
83.METAFISICA
84.EPIFISI
85. Perchè rinunciare?
86.INQUIETUDINI DI FERRUM METALLICUM
87.ICTUS
88.ICTUS parte seconda
89.Mantra
90.KINESIOLOGIA
91.Fiori di Bach
92.Sogni
93.Odori
94.Gli occhiali
95.La vista
96.Il tatto
97.Il gusto
98.Udito
99.Energia e Cosmo
100.Cento
101.VERATRUM ALBUM
102.EFT
103.Lupus
104.Cavoli
105.Farmaci
106.COLON IRRITABILE parte prima
107.COLON IRRITABILE parte seconda
108. MEDICINA CINESE ancora
109.Il corso di EFT
110.Corsi permanenti
111.Calcoli renali
112.DRENAGGIO
113.Metabolismo2-Fascia
114.PRANOTERAPIA
115.Morbo di Crohn
116.Dolori muscolari
117.Alitosi
118.Carotenoidi
119.Le voglie matte
120.IRIDOLOGIA parte prima
121.IRIDOLOGIA parte seconda
122.HERPES
123.DANNI DEI FARMACI PER LO STOMACO parte prima
124.DANNI DEI FARMACI PER LO STOMACO parte seconda
125.Storia delle babbucce
126.IDROTERAPIA
127.PARODONTITE
128.MEDITAZIONE SUL CUORE
129.LA MORTE DEGLI ALTRI
130.Il sole e la pelle
131.ENFISEMA POLMONARE parte prima
132.ENFISEMA POLMONARE parte seconda
133.Sistema immunitario cerebrale
134.Spagirica
135.TRAUMA DA PARTO
136.SPIGOLATURE
137.I GRASSI
138. Fico d'India
139.Occhi e mirtillo
140.PSICOSOMATICA
141.PSICOSOMATICA parte seconda
142.PSICOSOMATICA parte terza
143.Contatti estenuanti
144.Omeopatia per la pelle
145.HIV
146.CISTI OVARICHE
147.TUMORI
148.Singhiozzo
149.TEMPO DI BILANCI
150.NAUSEA E VOMITO
151.Test per la coppia
152.FEBBRE
153.PARKINSON
154.Minerali da antica farmacia
155.Omotossicologia e metabolismo
156.MEDICINA TIBETANA parte prima
157.DERMATITI E DERMATOSI
158.TRE BIOTIPI
159.Jung
160.GAMBE SENZA RIPOSO
161.Due prodotti delle api
162.ATTACCHI DI PANICO
163.ESAMI DELLE URINE
164.VERMI
165.AVVELENAMENTI parte prima
166.AVVELENAMENTI parte seconda
167.Alcuni alimenti
168.DIVERTICOLI
169.PENSARE POSITIVO
170.Naja Tripudians
171.Tumori 2
172.Unghie
173.Pensare col corpo
174.Gambe disturbi venosi
175.SCLEROSI MULTIPLA
176.Malattie autoimmuni
177.SCLERODERMIA
178.Rimedi per gli occhi
179.INTEGRATORI PER MAMMA
180.PSICHE E FIORI DI BACH parte prima
181.PSICHE E FIORI DI BACH parte seconda
182.PSICHE E FIORI DI BACH parte terza
183.PSICHE E FIORI DI BACH parte quarta
184.PSICHE E FIORI DI BACH parte quinta
185.PSICHE E FIORI DI BACH parte sesta
186.PSICHE E FIORI DI BACH parte settima
187.PSICHE E FIORI DI BACH parte ottava
188.PSICHE E FIORI DI BACH nona e ultima parte
189.Gli oli essenziali
190.OMEOPATIA PER INSONNIA DEL BAMBINO
191.CONSIDERAZIONI SULLA SALUTE
192.Macchie scure sulla pelle
193.Blefarite
194.IPERTENSIONE alcune piante
195.DIFESE IMMUNITARIE
196.ALZHEIMER
197.PIANTE ANTI-STRESS
198.FEGATO parte terza
199.Lavaggio energetico
200.Colpo di fulmine tra due LACHESIS
201.ALOE parte prima
202.Maculopatia degenerativa
203.Fluidificanti del sangue
204.ALLERGIE parte prim
205.ALLERGIE parte seconda
206.ALLERGIE parte terza
207.DEMENZA SENILE
208.INSUFFICIENZA RENALE
209.Quanto siamo aciduli
210.Non è tutto cromo ciò che brilla
211.DALLO SPIRITO ALLA MATERIA
212.Pancreatite
213.Raffinate ed accurate primitive terapie
214.Dermatite seborroica
215.RIMEDI PER BAMBINI
216.SCUOLA SALERNITANA parte prima
217.SCUOLA SALERNITANA parte seconda
218.SCUOLA SALERNITANA parte terza
219.Controllo e Ascolto
220.OLIO DI GERME DI GRANO
221.ORTICARIA
222.REFLUSSO GASTRO-ESOFAGEO parte seconda
223.INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO
224.STORIE DI ORDINARIO TORMENTO parte prima
225.STORIE DI ORDINARIO TORMENTO parte seconda
226.DIETA BASE e BAMBINO IPERCINETICO
227.ARTRITE E DOLORI ARTICOLARI
228.RIEDUCAZIONE DELLA PERCEZIONE SONORA
229.OBESITA INFANTILE
230.UNA MEDITAZIONE PER CORREGGERE LE REAZIONI RIPETITIVE
231.ANCORA CUORE
232.VACCINI
233.Balbuzie
234.PAROLE DIFFICILI idiopatico
235.SCOLIOSI
236.Percorsi benessere con regalo
237.DIURESI alcune piante utilissime
238.DIETA BASE
239.ALCHIMIA
240.RADIOTERAPIA un sostegno omeopatico per limitare i danni
241.CORSO ACCELERATO DI OMEOPATIA
242.ANALISI FISIOGNOMICA di un attore
243.CHILI DI TROPPO
244.CHILI DI TROPPO parte seconda
245.ARGILLA
246.Memoria e concentrazione
247.LE PAROLE DIFFICILI escara e flittena
248.ABBASSAMENTO RENALE
249.ALIMENTI FERMENTATI
250.MELATONINA
251.SONDAGGIO
252.Ottuso dogmatismo
253.Ancora fegato
254.PRANAYAMA parte prima
255.PRANAYAMA parte seconda
256.CEFALEA
257.Alimentazione spigolature
258.LE PAROLE DIFFICILI Fotosensibilizzazione
259.ANCORA RENE
260.MEDITARE STANDO AFFACCIATI
261.PRESSIONE ALTA parte prima
262.IPERTENSIONE parte seconda
263.OGM prodotti transgenici
264.Abusi della sanità
265.PRODOTTI SOLARI
266.Ricette mediterranee
267.IPERTENSIONE parte terza
268.TUMORI parte terza
269.COSE DI DONNE
270.Falsi bisogni creati dal mercato
271.IPERTENSIONE parte quarta
272.ANTICHE RICETTE una conserva di susine
273.LE PAROLE DIFFICILI Palliativo
274.STIPSI
275.TAURINA
276.IPERTENSIONE parte quinta
277.INQUINAMENTO ACUSTICO
278.DERMATITE ATOPICA
279.SAPORE DI SALE
280.PARACELSO
281.Metalli pesanti e danni alla pelle
282.IPERTENSIONE parte sesta RIMEDI NATURALI
283.MIA CONFERENZA
284.MALATTIE AUTOIMMUNI parte prima
285.MALATTIE AUTOIMMUNI parte seconda
286.SISTEMA NERVOSO DUE NOTE
287.LE PAROLE DIFFICILI Deontologia e Metastasi
288.IPERTENSIONE parte settima
289.ALLUCE VALGO
290.VERTIGINI fitoterapia
291.DISTURBI INVERNALI DEL BAMBINO
292.ASPETTI PSICHICI DI ALCUNI RIMEDI OMEOPATICI parte primaO
293.OMOTOSSICOLOGIA
294.ASPETTI PSICHICI DI ALCUNI RIMEDI OMEOPATICI parte seconda
295.Buon Natale filosofeggiando
296.ASPETTI PSICHICI DI ALCUNI RIMEDI OMEOPATICI parte terza
297.ASPETTI PSICHICI DI ALCUNI RIMEDI OMEOPATICI parte quarta
298.ASPETTI PSICHICI DI ALCUNI RIMEDI OMEOPATICI parte quinta
299.ASPETTI PSICHICI DI ALCUNI RIMEDI OMEOPATICI parte sesta e ultima
300.DISTURBI INTESTINALI antichissima ricetta
301.Donna e iperandrogenismo
302.FISIOGNOMICA APPLICATA AI RIMEDI OMEOPATICI
303.Possibile prevenire il tumore al fegato con il Chelidonium
304.Litoterapia
305.Fitoterapia per emicrania
306.Parole difficili della medicina OSTEOFITI
307.IL DOLORE DEI NOSTRI ANIMALI
308.RAVANELLO
309.Tre tipi di pepe
310.RUGHE
311.DISTURBI DELLA PROSTATA
312.FERMENTI INTESTINALI
313.PRANOTERAPIA
314.MENINGITE
315.Parole difficili della medicina FISTOLE
316.CLORURO DI MAGNESIO
317.PANNOLINI PER BAMBINI
318.Le emozioni depositate sui denti
319.Meditazione sulla vergogna
320.ANTIOSSIDANTI
321.Malattie autoimmuni
322.INSONNIA punti da trattare
323.Parole difficili in medicina STEATOSI EPATICA
324.Carota
325.Cicatrizzazione
326.Strategie di bisogno e potere
327.ENZIMI
328.Lampone
329.Commento durante la breve vacanza
330.LE PAROLE DIFFICILI DELLA MEDICINA apoptosi e necrosi
331.Nasce la nuova associazione TING
332.ALOPECIA AREATA rimedio Ayurvedico
333.LAVAGGIO EPATICO
334.Incontri autunnali
335.Sindrome di Dupuytren
336.Abuso di farmaci
337.TOSSE parte prima
338.Corso di alimentazione
339.TOSSE parte seconda
340.TOSSE parte terza
341.TOSSE parte quarta
342.MEDITAZIONE SULLE PAURE
343.Interazione individuo e ambiente
344.Respirazione
345.Epifisi e melatonina
346.Cefalea
347.Ibisco
348.CLa magia dei fermenti
349.LEDUM PALUSTRE
350.Unghia di gatto
351.Cicoria
352.Respirazione
353.Albero della vita e scelta di un rimedio
354.Studiare da adulti
355.Meditazione per essere autorevole
356.Tre piante per gli occhi
357.Metabolismo
358.Un consiglio disinteressato
359.Gengivite
360.Diarrea del bambino
361.Fiori di Bach per uscire da una dipendenza
362.Sulfur
363.Linfa e tessuto connettiv
364.Anatomia della fascia
365.GOLA
366.Fiori di Bach per il neonato
367.Note sul cuore
368.Artemisia
369.Codici biologici
370.Rimedi omeopatici per insonnia e paziente scettico
371.Piselli
372.Rimedi per cani
373.Un decotto antico per depurarsi
374.Un caso di diabete di tipo II
375.ALOE
376.Le radici del desiderio
377.Alzheimer approfondimento
378.Colori
379.Colori per la casa
380.USO PERSONALE DEI COLORI
381.DERMATOMERI E METAMERI
382.La nostra pelle
383.Omeostasi, salute e malattia
384.Parole difficili della medicina ACROMEGALIA
385.DERMATITE un questionario utile
386.Citrus aurantium
387.Fibromialgia
388.Piante per gli occhi
389.Coliche addominali del bambino
390.Disturbi mentali
391.Piccola pausa
392.Raffreddore
393.SISTEMA IMMUNITARIO storiella horror-humor
394.ALIMENTAZIONE tre note
395.ASMA rimedi omeopatici
396.ARNICA rimedi omeopatici
397.Rhus Toxicodendron
398.Zucca
399.Corso di fitoterapia online
400.Conferenza su Cuore e dislipidemie

venerdì 27 marzo 2015

Tre tipi di pepe



Leggendo antiche ricette farmaceutiche, ha colpito la mia attenzione questa ricetta, redatta niente meno che dallo stesso Galeno, particolarmente facile da realizzare in casa. Il rimedio che prepariamo è indicato per coloro che sono particolarmente disturbati dal freddo umido e producono catarro in grande quantità quasi tutto l’anno, escludendo la stagione estiva. Può essere usato convenientemente quando ci sono problemi di stasi gastrica unita a una eccessiva produzione di muco bronchiale. Le dosi vanno regolate secondo la sensibilità e la delicatezza del paziente. I principi attivi di questo composto fanno aumentare il “calore vitale” e disperdono il muco.



DIATRION PIPEREON
pepe nero
pepe bianco
pepe lungo ana 32 grammi
zenzero
anice
timo ana 4,5 grammi
miele qb a formare l’elettuario. 

L ’elettuario è una massa densa che può essere poi lavorata a cilindretto e tagliata a pezzettini per fare delle pillole o dei tronchetti.
Questa formulazione potrebbe essere eseguita esattamente così: sia le droghe presenti che il miele sono di facile reperibilità e la tecnica facilissima. La dose consigliata dal Collegio degli Speziali che redasse il testo è di 13,5 grammi. A noi sembra eccessiva; si può iniziare con una dose minore cioè 5-6 g e poi, semmai, aumentare. Esistono altre formule di Diatrion pipereon come quella di Mesuè (VIIIsec d.C.), ma è più complicata e ci sono molte più droghe di origine orientale, alcune di difficile reperimento. Vi si trovano tuttavia le radici di Enula campana e la Cannella, che sicuramente possono essere aggiunte e potenziano l’effetto antimucoso e curano i disturbi gastrici. Non è escluso che questa preparazione possa interferire positivamente con la risposta immunitaria.

COME USARE IL PREPARATO

IL mio consiglio è il seguente: una volta ottenuta la massa densa lavoratela come se fosse cera pongo, formando un cilindretto e tagliatelo a pezzettini di circa mezzo centimetro di lunghezza e mezzo di diametro. Quindi  nei momenti critici in cui vi sembra di non riuscire a dissolvere l’eccesso di muco o vi sentite oppressi da un “freddo interno”, assumete un tronchetto tre volte al giorno dopo i pasti principali  per periodi non superiori a una settimana.

NOTA
La fonte da cui ho tratto la ricetta è il grande Luigi Giannelli, Farmacia news febbraio 2006


giovedì 19 marzo 2015

RAVANELLO

Oggi voglio parlare in breve in di questo ortaggio tanto comune quanto sottovalutato
Raphanus sativus o radicula L.
L’origine del ravanello risale ai tempi dell’antico Egitto
I medici greci e romani ne sfruttavano le proprietà anti-tosse, mentre di norma si utilizzava per uso alimentare.

Il valore nutrizionale del ravanello è importante in virtù del suo sapore particolarmente stuzzicante, grazie al quale può rendere saporiti piatti più sostanziosi ma poco saporiti. Particolarmente indicato nell’alimentazione primaverile, insieme ad altre verdure crude, o come ornamento di piatti cotti e magari un po’ difficili da digerire.
PER CURARSI CON UNA SANA ALIMENTAZIONE
ecco le proprietà fitoterapeutiche del ravanello:

Contiene rafanolo, un principio attivo che, nella pianta cruda, favorisce la diuresi, la digestione, la resistenza fisica e nervosa, l’equilibrio della flora batterica intestinale, e che ha un blando effetto antibiotico utile all’albero respiratorio.
Il ravanello è anche un delicato colagogo-coleretico, preventivo quindi dell’ipercolesterolemia e dei calcoli biliari, ed esercita una modesta azione espettorante.
Le foglie, aspre e piccanti non vanno gettate, ma mangiate crude e ben masticate: contengono 541 mcg di vitamina A, 44 mg di vitamina C, ferro, calcio, potassio e magnesio rispettivamente 3,7; 120; 247; 26 mg per 100 g di prodotto. Aggiunte alle minestre ne esaltano i sapori.

Il ravanello con le foglie dunque risulta più digeribile, e inoltre è ricostituente, antibiotico, anti infettivo, antianemico, antitumorale, protettivo della cute e della retina.
STOP
Sono stata molto più breve del solito perché voglio esortarvi a leggere il reportage del viaggio in India a questo link:
http://blognoblob.blogspot.it/2015/03/il-turista-anomalo.html



venerdì 13 marzo 2015

IL DOLORE DEI NOSTRI ANIMALI

Sono sempre più frequenti  i dolori osteo-articolari cronici degli animali domestici quando raggiungono una certa età. Il problema mi sembra degno di interesse e valido anche per il dolore in animali giovani e adulti dovuto a diverse patologie. Ecco quindi una carrellata di rimedi omeopatici che si possono somministrare a basse diluizioni dalla 5 alla 9 CH mescolati ai pasti alla dose di 3-4 granuli  2-3 volte al giorno.

ARNICA
Arnica 5CH:  indicata principalmente nel dolore acuto dovuto ad artrite, artrosi o traumi. Di prima scelta per il dolore della spalla ed in tutti i dolori dell’arto anteriore. 

CIMICIFUGA 
indicata per le patologie con una componente soprattutto muscolare e in misura minore nervosa, localizzate agli arti anteriori, prevalentemente a sinistra.

VERATRUM ALBUM
Questo rimedio ha dimostrato di espletare un forte
effetto analgesico nelle patologie osteo-articolari degli arti posteriori, dove le componenti muscolari (decontratturan- te) e nevralgiche sono particolarmente importanti. In genere si tratta di disturbi che insorgono in precisi
periodi dell’anno o in luoghi particolarmente umidi, o in caso di improvvisi cambiamenti di temperatura e, soprattutto, negli individui la cui Costituzione sia sulfurica. 


ACONITUM e SPIGELIA 
Aconitum è indicato in tutte le patologie muscolari e nevralgiche. 
La Spigelia contrasta le patologie artritiche e artrosiche degli arti anteriori dove sia presente una contrattura muscolare
E’ consigliato somministrarli insieme: tre granuli di ogni rimedio 2-3 volte al giorno.

BRYONIA 
è uno dei più importanti rimedi per la poliartrite quando questa abbia una origine prevalentemente muscolare acuta


CHINA 
è utilizzata in campo osteo-artro-miofasciale  quando l’animale zoppica ed è presente sia la contrattura muscolare che il dolore neurologico. 
HYPERICUM
Anche l’iperico dà ottimi risultati nei casi analoghi al precedente: bisognerà però oculatamente scegliere (in base alle caratteristiche dell’animale e alle modalità degli altri sintomi) se somministrare  questo o la China. Più spiccata è comunque l’azione neurologica per cui va molto bene anche per l’animale epilettico, se non assume farmaci allopatici.





mercoledì 4 marzo 2015

Parole difficili della medicina OSTEOFITI

Osteofita 
Definizione: Formazione ossea a uncino/becco, come tentativo dell'articolazione infiammata di allargare la superficie di carico. Segno di artrosi avanzata (Dr. Antonio Valassina

Definizione: E' una protuberanza ossea in genere riferibile alle vertebre. Gli osteofiti possono essere del tutto asintomatici come quelli situati nella parte anteriore, mentre quelli posteriori possono essere responsabili di compressione delle strutture nervose procurando sintomi da compressione al pari di un'ernia del disco. La terapia spesso è chirurgica. (Dr. Giovanni Migliaccio

OMEOPATIA
Per questo disturbo il rimedio omeopatico consigliato, oltre a un rimedio di fondo e uno riferito alla personale modalità dei sintomi, è HEKLA LAVA.
Si tratta della lava del vulcano Hekla in Islanda.
PICCOLA RIPETIZIONE SUI PRINCIPI BASE DI OMEOPATIA
Come ho spiegato nei primi post di questo blog, i rimedi omeopatici molto spesso sono  preparati con “veleni” o sostanze che sono tossiche a una dose “pesabile” con una comune bilancia. Diluiti e dinamizzati in dose omeopatica, non fanno altro che curare proprio i sintomi che vengono scatenati dalla stessa sostanza in dose tossica. La China, che fu il primo rimedio provato da Haneman, imitava i sintomi della malaria; la belladonna i sintomi dell’avvelenamento da atropina, il lachesis i sintomi che seguono al morso del serpente lachesis (un tipo di crotalo). Questa lava genera disturbi negli animali che vivono  in zone troppo vicine al cratere e che quindi inalano la polvere o la ingeriscono insieme all’erba da pascolo.
Per preparare il rimedio si utilizza la cenere più fine che cade più lontana dal vulcano e che contiene silice, alluminio, calcio, magnesio, ossido di ferro e, in qualche eruzione, anche del fluoro. Il tropismo osseo di questo rimedio, messo in evidenza da Wilkinson, fu confermato da Hering, Clarke e da altri omeopati contemporanei che lo considerano uno dei principali rimedi in stomatologia, un vero "chirurgo omeopatico". Una lettera del 1870 di Wilkinson, poi pubblicata integralmente da Hering nei suoi "Guiding Symptoms", racconta: Gli effetti visibili sulle pecore e le mucche che vivono sulle pendici del vulcano sono esostosi mascellari enormi. Esse formano delle masse che sono facilmente separabili dall'osso sano. Le tumefazioni tendono ad ingrandirsi ed il loro colore è più scuro di quello dell'osso circostante. (...) In qualche caso nell'osso al di sotto della tumefazione si formano fistole che sboccano nel midollo osseo. (...) La cenere che cade nei luoghi più lontani dal vulcano è particolarmente nociva. Nelle mucche sottoposte ad autopsia si sono ritrovate nell'intestino masse dure di cenere, simili a sassi. Lo stomaco è tappezzato da una membrana nera, i denti sono ricoperti da croste di aspetto metallico, brillante. Le ossa sono sempre interessate e le tumefazioni enormi sulla mandibola provocano a volte la morte degli animali a causa della lussazione mascellare e della conseguente impossibilità ad alimentarsi. Le ossa craniche, non solo la mascella, sono aumentate di volume e talmente friabili che durante la bollitura si frammentano in pezzettini. Le ossa della coscia e della tibia sono aumentate di volume e incurvate." Hering aggiunge le proprie osservazioni: "Ho utilizzato Hekla nelle odontalgie e nelle tumefazioni del mascellare con risultati quasi magici nella prevalenza dei casi. Ho ottenuto ugualmente buoni risultati negli ascessi gengivali da carie dentaria e nelle odontalgie da eruzione dentaria".


Indicazioni del rimedio
—Osteofitosi articolari periferiche
— esostosi, in particolare della mascella e dei piedi (sul calcagno), osteite e necrosi ossea. Pare abbia effetto favorevole anche nel sarcoma osseo..( dal blog Oltre salute)   
 — Tutte le escrescenze ossee.
 — Spina calcaneare, dolori al tallone.
 — Sindrome di Haglund.
 — Becco di pappagallo (sporgenza allungata, anche tagliente, di alcune ossa).
—Rachitismo.
Di prima scelta per problemi di mandibola, mascella e apparato masticatorio:

— Dentizione difficoltosa nel bambino.
— Carie e necrosi ossee.
— Nevralgie al viso, facciali.
— Mal di denti, ascessi ricorrenti.


NOTA 

(Fonte sulle citazioni degli Omeopati storici: Messaggio di Dr.Ascani il ven dic 19, 2008 12:57 am che cita come fonte: Cahiers de biothérapie 171, agosto-settembre 2001, 29-34 Articolo di Luisella Zanino)

Informazioni personali

Le mie foto
Marina Salomone
Mi occupo di terapie olistiche dal 1983. Hobby principale il disegno: sono su Flickr sotto il nome di Marina Salomone
per chi fosse interessato a trattare questi argomenti in maniera più appofondita c' è sempre il mio sito web ufficiale: www.GurudiTamara.com
Visualizza il mio profilo completo

Lettori 5359

Archivio blog