Indice

1. Sciatica
2. Artrite Reumatoide
3. Osteoporosi
4. Emicrania
5. Dismenorrea
6. Infertilità
7. Gastrite
8. Cistite
9. Menopausa
10. Tabagismo
11. Ipertensione
12. Insonnia
13. Obesità
14. Stress e pnei
15. Cistite interstiziale
16. Psoriasi
17. Occhio secco
18. Viaggi
19. Acufeni
20. Allergie-Asma
21. Gravidanza e neonato
22. Due riflessioni
23. Stipsi
24. Vertigini
25. Cani e Gatti
26. Tipi Omeopatici
27.Bambino-psiche
28.Sport
29.Disturbi venosi
30.Salute obbligatoria
31.Cuore
32.Neonato-mamma-papà
33.Memoria
34.Anziano-aspetti nutrizionali e pnei
35.Colesterolo
35-bis.Colesterolo-bis
36.Acne
37.Anemie
38.Tosse-Omeopatia
39.Enuresi
40.Reflusso gastro-esofageo
41.LEI e LUI
42.LEI e LUI seconda puntata
43.LEI e LUI terza puntata
44.Raffreddore
45.Un po' di respiro
46.Influenza
47.Adolescenza
48.Chakras
49.Ayurveda
50.Medicina cinese
51.DENTI parte prima
52.DENTI parte seconda
53.DENTI parte terza
54.CAPELLI parte prima
55.CAPELLI parte seconda
56.FITOTERAPIA
57.diabete-parte prima
58.diabete-parte seconda
59.Trattamento viscerale
60.Pelle
61.Cronobiologia
62.ANORESSIA parte prima
63.ANORESSIA parte seconda
64.Alcolismo
65.Colori
66.Fegato parte prima
67.Fegato parte seconda
68.Posture
69.Fermenti intestinali parte prima
70.Fermenti intestinali parte seconda
71.Epitrocleite
72.TIROIDE parte prima
73.TIROIDE parte seconda
74.SALUTE E MALATTIA
75.CONGIUNTIVITI
76.OTITE parte prima
77.OTITE parte seconda
78.ORMONI parte prima
79.FISIOGNOMICA
80.ORMONI parte seconda
81.COSMETICI
82.ORMONI parte terza
83.METAFISICA
84.EPIFISI
85. Perchè rinunciare?
86.INQUIETUDINI DI FERRUM METALLICUM
87.ICTUS
88.ICTUS parte seconda
89.Mantra
90.KINESIOLOGIA
91.Fiori di Bach
92.Sogni
93.Odori
94.Gli occhiali
95.La vista
96.Il tatto
97.Il gusto
98.Udito
99.Energia e Cosmo
100.Cento
101.VERATRUM ALBUM
102.EFT
103.Lupus
104.Cavoli
105.Farmaci
106.COLON IRRITABILE parte prima
107.COLON IRRITABILE parte seconda
108. MEDICINA CINESE ancora
109.Il corso di EFT
110.Corsi permanenti
111.Calcoli renali
112.DRENAGGIO
113.Metabolismo2-Fascia
114.PRANOTERAPIA
115.Morbo di Crohn
116.Dolori muscolari
117.Alitosi
118.Carotenoidi
119.Le voglie matte
120.IRIDOLOGIA parte prima
121.IRIDOLOGIA parte seconda
122.HERPES
123.DANNI DEI FARMACI PER LO STOMACO parte prima
124.DANNI DEI FARMACI PER LO STOMACO parte seconda
125.Storia delle babbucce
126.IDROTERAPIA
127.PARODONTITE
128.MEDITAZIONE SUL CUORE
129.LA MORTE DEGLI ALTRI
130.Il sole e la pelle
131.ENFISEMA POLMONARE parte prima
132.ENFISEMA POLMONARE parte seconda
133.Sistema immunitario cerebrale
134.Spagirica
135.TRAUMA DA PARTO
136.SPIGOLATURE
137.I GRASSI
138. Fico d'India
139.Occhi e mirtillo
140.PSICOSOMATICA
141.PSICOSOMATICA parte seconda
142.PSICOSOMATICA parte terza
143.Contatti estenuanti
144.Omeopatia per la pelle
145.HIV
146.CISTI OVARICHE
147.TUMORI
148.Singhiozzo
149.TEMPO DI BILANCI
150.NAUSEA E VOMITO
151.Test per la coppia
152.FEBBRE
153.PARKINSON
154.Minerali da antica farmacia
155.Omotossicologia e metabolismo
156.MEDICINA TIBETANA parte prima
157.DERMATITI E DERMATOSI
158.TRE BIOTIPI
159.Jung
160.GAMBE SENZA RIPOSO
161.Due prodotti delle api
162.ATTACCHI DI PANICO
163.ESAMI DELLE URINE
164.VERMI
165.AVVELENAMENTI parte prima
166.AVVELENAMENTI parte seconda
167.Alcuni alimenti
168.DIVERTICOLI
169.PENSARE POSITIVO
170.Naja Tripudians
171.Tumori 2
172.Unghie
173.Pensare col corpo
174.Gambe disturbi venosi
175.SCLEROSI MULTIPLA
176.Malattie autoimmuni
177.SCLERODERMIA
178.Rimedi per gli occhi
179.INTEGRATORI PER MAMMA
180.PSICHE E FIORI DI BACH parte prima
181.PSICHE E FIORI DI BACH parte seconda
182.PSICHE E FIORI DI BACH parte terza
183.PSICHE E FIORI DI BACH parte quarta
184.PSICHE E FIORI DI BACH parte quinta
185.PSICHE E FIORI DI BACH parte sesta
186.PSICHE E FIORI DI BACH parte settima
187.PSICHE E FIORI DI BACH parte ottava
188.PSICHE E FIORI DI BACH nona e ultima parte
189.Gli oli essenziali
190.OMEOPATIA PER INSONNIA DEL BAMBINO
191.CONSIDERAZIONI SULLA SALUTE
192.Macchie scure sulla pelle
193.Blefarite
194.IPERTENSIONE alcune piante
195.DIFESE IMMUNITARIE
196.ALZHEIMER
197.PIANTE ANTI-STRESS
198.FEGATO parte terza
199.Lavaggio energetico
200.Colpo di fulmine tra due LACHESIS
201.ALOE parte prima
202.Maculopatia degenerativa
203.Fluidificanti del sangue
204.ALLERGIE parte prim
205.ALLERGIE parte seconda
206.ALLERGIE parte terza
207.DEMENZA SENILE
208.INSUFFICIENZA RENALE
209.Quanto siamo aciduli
210.Non è tutto cromo ciò che brilla
211.DALLO SPIRITO ALLA MATERIA
212.Pancreatite
213.Raffinate ed accurate primitive terapie
214.Dermatite seborroica
215.RIMEDI PER BAMBINI
216.SCUOLA SALERNITANA parte prima
217.SCUOLA SALERNITANA parte seconda
218.SCUOLA SALERNITANA parte terza
219.Controllo e Ascolto
220.OLIO DI GERME DI GRANO
221.ORTICARIA
222.REFLUSSO GASTRO-ESOFAGEO parte seconda
223.INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO
224.STORIE DI ORDINARIO TORMENTO parte prima
225.STORIE DI ORDINARIO TORMENTO parte seconda
226.DIETA BASE e BAMBINO IPERCINETICO
227.ARTRITE E DOLORI ARTICOLARI
228.RIEDUCAZIONE DELLA PERCEZIONE SONORA
229.OBESITA INFANTILE
230.UNA MEDITAZIONE PER CORREGGERE LE REAZIONI RIPETITIVE
231.ANCORA CUORE
232.VACCINI
233.Balbuzie
234.PAROLE DIFFICILI idiopatico
235.SCOLIOSI
236.Percorsi benessere con regalo
237.DIURESI alcune piante utilissime
238.DIETA BASE
239.ALCHIMIA
240.RADIOTERAPIA un sostegno omeopatico per limitare i danni
241.CORSO ACCELERATO DI OMEOPATIA
242.ANALISI FISIOGNOMICA di un attore
243.CHILI DI TROPPO
244.CHILI DI TROPPO parte seconda
245.ARGILLA
246.Memoria e concentrazione
247.LE PAROLE DIFFICILI escara e flittena
248.ABBASSAMENTO RENALE
249.ALIMENTI FERMENTATI
250.MELATONINA
251.SONDAGGIO
252.Ottuso dogmatismo
253.Ancora fegato
254.PRANAYAMA parte prima
255.PRANAYAMA parte seconda
256.CEFALEA
257.Alimentazione spigolature
258.LE PAROLE DIFFICILI Fotosensibilizzazione
259.ANCORA RENE
260.MEDITARE STANDO AFFACCIATI
261.PRESSIONE ALTA parte prima
262.IPERTENSIONE parte seconda
263.OGM prodotti transgenici
264.Abusi della sanità
265.PRODOTTI SOLARI
266.Ricette mediterranee
267.IPERTENSIONE parte terza
268.TUMORI parte terza
269.COSE DI DONNE
270.Falsi bisogni creati dal mercato
271.IPERTENSIONE parte quarta
272.ANTICHE RICETTE una conserva di susine
273.LE PAROLE DIFFICILI Palliativo
274.STIPSI
275.TAURINA
276.IPERTENSIONE parte quinta
277.INQUINAMENTO ACUSTICO
278.DERMATITE ATOPICA
279.SAPORE DI SALE
280.PARACELSO
281.Metalli pesanti e danni alla pelle
282.IPERTENSIONE parte sesta RIMEDI NATURALI
283.MIA CONFERENZA
284.MALATTIE AUTOIMMUNI parte prima
285.MALATTIE AUTOIMMUNI parte seconda
286.SISTEMA NERVOSO DUE NOTE
287.LE PAROLE DIFFICILI Deontologia e Metastasi
288.IPERTENSIONE parte settima
289.ALLUCE VALGO
290.VERTIGINI fitoterapia
291.DISTURBI INVERNALI DEL BAMBINO
292.ASPETTI PSICHICI DI ALCUNI RIMEDI OMEOPATICI parte primaO
293.OMOTOSSICOLOGIA
294.ASPETTI PSICHICI DI ALCUNI RIMEDI OMEOPATICI parte seconda
295.Buon Natale filosofeggiando
296.ASPETTI PSICHICI DI ALCUNI RIMEDI OMEOPATICI parte terza
297.ASPETTI PSICHICI DI ALCUNI RIMEDI OMEOPATICI parte quarta
298.ASPETTI PSICHICI DI ALCUNI RIMEDI OMEOPATICI parte quinta
299.ASPETTI PSICHICI DI ALCUNI RIMEDI OMEOPATICI parte sesta e ultima
300.DISTURBI INTESTINALI antichissima ricetta
301.Donna e iperandrogenismo
302.FISIOGNOMICA APPLICATA AI RIMEDI OMEOPATICI
303.Possibile prevenire il tumore al fegato con il Chelidonium
304.Litoterapia
305.Fitoterapia per emicrania
306.Parole difficili della medicina OSTEOFITI
307.IL DOLORE DEI NOSTRI ANIMALI
308.RAVANELLO
309.Tre tipi di pepe
310.RUGHE
311.DISTURBI DELLA PROSTATA
312.FERMENTI INTESTINALI
313.PRANOTERAPIA
314.MENINGITE
315.Parole difficili della medicina FISTOLE
316.CLORURO DI MAGNESIO
317.PANNOLINI PER BAMBINI
318.Le emozioni depositate sui denti
319.Meditazione sulla vergogna
320.ANTIOSSIDANTI
321.Malattie autoimmuni
322.INSONNIA punti da trattare
323.Parole difficili in medicina STEATOSI EPATICA
324.Carota
325.Cicatrizzazione
326.Strategie di bisogno e potere
327.ENZIMI
328.Lampone
329.Commento durante la breve vacanza
330.LE PAROLE DIFFICILI DELLA MEDICINA apoptosi e necrosi
331.Nasce la nuova associazione TING
332.ALOPECIA AREATA rimedio Ayurvedico
333.LAVAGGIO EPATICO
334.Incontri autunnali
335.Sindrome di Dupuytren
336.Abuso di farmaci
337.TOSSE parte prima
338.Corso di alimentazione
339.TOSSE parte seconda
340.TOSSE parte terza
341.TOSSE parte quarta
342.MEDITAZIONE SULLE PAURE
343.Interazione individuo e ambiente
344.Respirazione
345.Epifisi e melatonina
346.Cefalea
347.Ibisco
348.CLa magia dei fermenti
349.LEDUM PALUSTRE
350.Unghia di gatto
351.Cicoria
352.Respirazione
353.Albero della vita e scelta di un rimedio
354.Studiare da adulti
355.Meditazione per essere autorevole
356.Tre piante per gli occhi
357.Metabolismo
358.Un consiglio disinteressato
359.Gengivite
360.Diarrea del bambino
361.Fiori di Bach per uscire da una dipendenza
362.Sulfur
363.Linfa e tessuto connettiv
364.Anatomia della fascia
365.GOLA
366.Fiori di Bach per il neonato
367.Note sul cuore
368.Artemisia
369.Codici biologici
370.Rimedi omeopatici per insonnia e paziente scettico
371.Piselli
372.Rimedi per cani
373.Un decotto antico per depurarsi
374.Un caso di diabete di tipo II
375.ALOE
376.Le radici del desiderio
377.Alzheimer approfondimento
378.Colori
379.Colori per la casa
380.USO PERSONALE DEI COLORI
381.DERMATOMERI E METAMERI
382.La nostra pelle
383.Omeostasi, salute e malattia
384.Parole difficili della medicina ACROMEGALIA
385.DERMATITE un questionario utile
386.Citrus aurantium
387.Fibromialgia
388.Piante per gli occhi
389.Coliche addominali del bambino
390.Disturbi mentali
391.Piccola pausa
392.Raffreddore
393.SISTEMA IMMUNITARIO storiella horror-humor
394.ALIMENTAZIONE tre note
395.ASMA rimedi omeopatici
396.ARNICA rimedi omeopatici
397.Rhus Toxicodendron
398.Zucca
399.Corso di fitoterapia online
400.Conferenza su Cuore e dislipidemie

giovedì 1 novembre 2012

OMEOPATIA PER L'INSONNIA DEL BAMBINO



OMEOPATIA PER L'INSONNIA DEL BAMBINO Per parlare di insonnia nel bambino ho scelto un bellissimo brano da La recherche di Proust. Per motivi di sintesi ho preferito raccontare alcune parti in modo riassunto: sono quelle che trovate tra parentesi, dato che il testo autentico è molto più ricco e raffinato del modo in cui mi permetto di raccontarlo qui. §§§ Ma ecco che prima che suonassero per il pranzo il nonno ebbe l'inconsapevole ferocia di dire "il piccolo ha l'aria stanca, dovrebbe salire e andare a letto" e mio padre disse "si, andiamo, va' a coricarti". Così fui costretto ad andarmene, salire ogni gradino della scala contrariando il mio cuore che voleva tornare accanto alla mamma perchè lei non gli aveva dato, non baciandomi, il permesso di seguirmi. (Alcune ore dopo, essendo rimasto sveglio per tutta la durata della cena, il piccolo Marcel sente i passi della mamma che sale per andare a dormire ) Andai senza far rumore nel corridoio; il mio cuore batteva così forte che facevo fatica a camminare. Vidi la mamma e le corsi incontro. Al primo momento mi guardò con stupore non riuscendo a capire cosa stesse accadendo. Poi il suo volto prese un'espressione di collera, non disse nulla, e in effetti per molto meno stava senza parlarmi per giorni. Se mi avesse detto qualcosa, sarebbe stato ammettere che si poteva ancora rivolgermi la parola e tra l'altro questo mi sarebbe parso forse ancora più terribile, come un segno che davanti alla gravità del castigo che si preparava, il silenzio e la freddezza sarebbero stati puerili. Ma lei sentì mio padre che saliva dalla stanza da bagno e, per evitare la scena che mi avrebbe fatto, mi disse con voce spezzata per la collera: "vattene, vattene, che almeno tuo padre non ti veda aspettare così come un pazzo!". Ma io le ripetevo: " vieni a darmi la buona notte", terrorizzato al vedere il riverbero della bugia di mio padre allungarsi già sul muro, ma anche usando il suo avvicinarsi come mezzo di ricatto nella speranza che la mamma, per evitare che mio padre mi trovasse ancora lì se avesse insistito nel suo rifiuto, mi dicesse: " Rientra in camera tua, vengo subito". Troppo tardi, mio padre era davanti a noi; mi guardò un istante con aria stupita e arrabbiata, poi dopo che la mamma gli ebbe spiegato con poche parole imbarazzate cosa era accaduto : " Ma su,--disse-- vai con lui allora, resta un po' in camera sua" "Ma caro--disse la mamma--non si può abituare questo bambino..." "Non si tratta di abituare--rispose lui--vedi bene che ha un dispiacere, ha l'aria desolata, su, non siamo poi dei carnefici! Quando l'avrai fatto ammalare cosa avrai guadagnato?". (E fu così che quella notte la mamma rimase nella stanza del bimbo leggendogli qualche storia da Le mille e una notte, regalo che era stato acquistato per il Natale ed ora aperto in anticipo.)§§§ Che rimedio avrei dato a questo bimbo? Ignatia e Chamomilla. RIMEDI OMEOPATICI CLASSICI – TERAPIA DELL'INSONNIA DEL BAMBINO – RIMEDI DI TERRENO "ANSIOSO" GELSEMIUM: difficoltà ad addormentarsi. Sonno agitato. Sussulta dormendo. Soggetto timoroso, emotivo. IGNATIA: insonnia provocata o aggravata dalle contrarietà. Sospiri e sbadigli. Carattere paradossale delle modalità. ARGENTUM NITRICUM: sonno con incubi. Il bambino si sveglia di soprassalto. Bambino emotivo che ha paura del futuro. COFFEA: insonnia con ipersensibilità sensoriale. Il bambino si muove in continuazione nel letto. Si risveglia sussultando. RIMEDI DI TERRENO "ANSIOSO-DEPRESSIVO" KALIUM PHOSPHORICUM: insonnia che segue la stanchezza nervosa in bambini spossati ed irritabili. Il bambino parla dormendo; ha incubi e paure notturne. ACIDUM PHOSPHORICUM: il sonno è agitato, non ristoratore. Rimedio indicato in bambini rallentati intellettualmente e fisicamente. LACHESIS : insonnie prima di mezzanotte, con sussulti o sensazioni di soffocamento al momento dell'addormentamento. Incubi e sogni angoscianti. STAPHISAGRIA :segni distintivi: vessazioni o contrarietà in bambini suscettibili, sensibili che vivono in un ambiente dominante. RIMEDI DI INSTABILITÀ PSICOMOTORIA CHAMOMILLA: bambino sonnolento di giorno, insonne di notte; con sogni sgradevoli. È generalmente collerico, capriccioso; sta meglio se viene cullato o tenuto in braccio. NUX VOMICA: il bambino si risveglia tra le 3 e le 4 del mattino e tende a riaddormentarsi verso le 6 (consegue difficoltà a svegliarsi la mattina). Il sonno è sempre agitato. Tende alla sonnolenza postprandiale. Bambino autoritario, suscettibile. KALIUM BROMATUM: bambini che manifestano agitazione particolare delle mani e delle estremità. HYOSCYAMUS NIGER:il bambino balbetta, ride, grida, sussulta durante il sonno. Ha incubi, è suscettibile e geloso. Tendenza ai tic. STRAMONIUM: paura del buio; necessità di una luce accesa. CINA: digrignamento dei denti durante il sonno. Spesso si associa a parassitosi. ZINCUM: sonno con agitazione "delle gambe e dei piedi" dopo sovraffaticamento o " stanchezza nervosa. ARNICA:agitazione fisica dopo una giornata di gioco intenso. PULSATILLA:disturbi di addormentamento; il bambino ha paura di stare solo. CYPRIPEDIUM:è il bambino più eccitato. Si addormenta senza difficoltà; si risveglia nella seconda parte della notte; vuole giocare; è impossibile farlo addormentare. RIMEDI DI FONDO ARSENICUM ALBUM: sonno agitato tra la 1 e le 3 del mattino, con ansietà. Sonno non ristoratore. Bambini meticolosi, ordinati. NATRIUM MURIATICUM: grande necessità di dormire ma con difficoltà a prendere sonno che, comunque, è sempre agitato. Stanchezza al risveglio. SULFUR:difficoltà ad addormentarsi. Sonno agitato con risvegli tra le 3 e le 4 del mattino e difficoltà a riaddomentarsi. Il bambino di notte si scopre perchè ha l'impressione di avere i piedi che "bruciano". CALCAREA CARBONICA:i lattanti sudano (capo) mentre si addormentano e durante il sonno. Si risvegliano spesso durante la notte e sussultano al minimo rumore. PHOSPHORUS:bambini longilinei, magri, nervosi ed ipersensibili. Spesso sonnolenti e assopiti durante la giornata, si addormentano tardi e, il mattino, hanno sempre l'impressione di non aver dormito abbastanza. SILICEA:bambini nervosi, ma timidi, frettolosi, gracili. Sudano facilmente, soprattuto ai piedi; sussultano durante il sonno e sudano addormentandosi. THUJA:disturbi del sonno dopo vaccinazioni, terapie prolungate e infezioni croniche. In uno studio svolto nel 2003 su 160 bambini è stat dimostrato dalla dottoressa Maria Colombo, che l'intervento con rimedi omeopatici è certamente utile a ridurre il numero di risvegli notturni e, un una buona percentuale di casi, ad eliminarli del tutto, permettendo così un sonno fisiologico per il bambino e, di conseguenza, per i genitori. L'articolo che descrive lo studio nei dettagli è stato pubblicato sulla rivista La medicina biologica ottobre-dicembre 2003 NOTA l'immagine a carboncino è di Giovanni Ambrosioni

38 commenti:

  1. il mio tempo è passato, ed aspetto di diventare nonna :-)

    RispondiElimina
  2. me la dai una dritta per la claustrofobia??? e di conseguemza l'impossibilità a viaggiare in aereo?

    RispondiElimina
  3. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  4. ARGENTUM NITRICUM 30 CH OPPURE ANCHE GELSEMIUM 30 CH MA IL PRIMO è LA PRIMA SCELTA. CIAO CARISSIMA!

    RispondiElimina
  5. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  6. Vale anche per l'insonnia dell'adulto?

    RispondiElimina
  7. Si, Krilù, ovviamente cambiando i termini delle descrizioni... invece che angosciada separazione dei genitori può essere quella di chi non riesce a dormire quando il marito o la moglie sono fuori sede per qualche giorno oppure quella di chi non riesce a dormire quando cambia letto. In sintesi le insonnie di origine psicologica sono di pochi tipi: o per ansia nel senso di timore che accada qualcosa di brutto per cui si rimuginano pensieri ripetitivi. O per ansia da prestazione in vicinanza di esami o altre performances che gli altri si aspettano dal soggetto; o per dissidi-diverbi sui quali si continua a rimuginare.A volte semplicemente per troppa stanchezza. Nell'adulto però ci sono fin troppi problemi di salute vera cioè disturbi funzionali o peggio degenerativi che causano insonnia e quindi vanno prima curati quelli. Se poi si tratta di insonnia da menopausa: io la considero fisiologica ma in tal caso si può comunque prendere un rimedio.(V capitolo ansia e insonnia sull'indice dei post precedenti)
    un abbraccio

    RispondiElimina
  8. Neonato di 7mesi che fino ai 6 mesi ha sempre dormito 7ore filate da un mese in concomitanza con il rientro al lavoro si sveglia ogni due ore per cercare il contatto con il seno
    Ha sempre dormito bene di notte e di giorno e continua a farlo di giorno senza problemi anche con i nonni ma a casa con noi la notte si sveglia con molta puntualità ogni 2/3 ore.
    Cosa mi consiglia?
    Distinti saluti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come prima scelta IGNATIA 15 CH 3 granuli sciolti nel latte dell'ultima poppata della sera; se dopo un paio di giorni non vedete miglioramento, aggiungere QUIETALIA sciroppo della borino da dare con un cucchiaino prima di metterlo a letto per un certo numero di sere (6--7)...poi basta: occorre vedere se nel frattempo , come immagino accada, avrà elaborato la sua nuova situazione (che ora percepisce come abbandono) e avrà acquisito il nuovo ritmo del sonno. Se ancora non dovesse riacquistare il sonno normale mi dica qualcosa sempre in questo spazio o nel tasto consulenze del sito www.guruditamara.com (la consulenza iniziale è gratis e può dilungarsi a spiegare maggiori dettagli) un abbraccio!

      Elimina
  9. Bimba 4 mesi mezzo(allattamento materno)da quando ne ha 2 ha sempre dormito tutta notte...ora ogni mezz'ora si sveglia e piange(sia di gg che di notte), le mettiamo il ciuccio in bocca e continuiamo così...
    Sono molto stanca e vorrei sapere come fare.
    Per favore ci aiuti

    RispondiElimina
  10. Può darsi che stia iniziando un dentino anche se ancora non si vede. Motivi psicologici a questa età io non ne considero. Penso ci siano motivi fisici. Quindi consiglio di migliorare la qualità del latte : anche con una produzione normale ti consiglio di assumere finocchio in tisana tre tazze al giorno. Questo migliorerà la digeribilità qualora abbia delle piccole coliche che alla sua età ci sono quasi sempre. Poi controllare che la temperatura della stanza sia ok e non soffra il caldo. Inoltre consiglio di tirarti una piccola quantità di latte e metterla in una tazzina. Qui vanno sciolti tre granuli di chamomilla 30 ch e tre di calcarea carbonica 15 ch . Una volta pronta la soluzione bagnare il ciuccio e darglielo, oppure anche bagnare il dito e passarlo dentro la bocca per umidificargli il cavo orale anche ai lati ( con la sola suzione bagna per lo più lingua e palato). Il giorno dopo preparare di nuovo e buttare quella rimasta dal giorno prima. Dopo due tre giorni mi faccia sapere se è migliorato. Un abbraccio

    RispondiElimina
  11. Salve!
    Se possibile le chiedo un consiglio. La mia bimba ha 7 mesi ma tranne i primi mesi in cui dormiva anche 5 ore di fila, ha senpr fatto molta fatica a dormire, con risvegli molto frequenti, ogni 2 ore è il tempo massimo ma si sveglia ance ogni mezz'ora o ogni ora è si calma solo con il seno... Fino ad ora ho aspettato che magri si regolarizzasse da solo il suo sonno ma non vedo miglioramenti, anzi... C'è qualche rimedio? Iniziamo ad accusare il colpo di questi mesi di sonno sempre discontinuo... Grazie anticipatamente. Stefania

    RispondiElimina
  12. A questa età è normale che il neonato faccia tanti piccoli sonnellini e poi continui risvegli. Può invece modificare qualcosa su se stessa che attraverso il latte e il contatto si riversa sullo stato di calma del bambino. Probabilmente si tratta dei denti. Il mio consiglio riporta esattamente quanto detto al commento precedente. Aggiunga tisana di finocchio per lei da bere tre tazze al giorno
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  13. Buongiorno! Ho letto il racconto, e ho rivisto la mia situazione.
    Il mio bimbo ha 2 anni e 10 mesi: fin dalle prime settimane di vita ha sempre dormito nel suo lettino, con periodi più o meno tranquilli...è sempre stato un'allodola, con risveglio precoce alle 6 del mattino e tendenza a coricarsi dopo le 21.30...ma non ha mai cercato il lettone, se non, appunto, per la coccola del mattino. Da circa un mese la situazione è completamente cambiata: si corica, sempre verso le 21.30/22, si addormenta, e poi nella notte, verso le 2, arriva nel lettone. Se riportato al suo lettino si dispera perchè vuole il contatto e la presenza, MIA, della mamma. Se il papà dorme in brandina nella sua stanza, comunque non ha sonno sereno, perchè sento, che nel sonno, chiama mamma. Premetto che in coincidenza con l'inizio di questo periodo ha avuto un'otite, inizio della nanna (senza ciuccio che normalmente a casa usa per dormire) alla scuola materna dopo il periodo di inserimento (prima usciva da scuola dopo pranzo)e arrivo della cameretta nuova....Io lavoro tutto il giorno. Lui è un bimbo energico, molto sveglio, "fisico", ma sento in questo momento sta soffrendo perchè ha bisogno di me. Come posso aiutarlo? Mi scuso per essere stata forse troppo prolissa.... grazie fin d'ora per un riscontro. Alessandra

    RispondiElimina
  14. Cara Alessandra il mio consiglio è quello di dargli IGNAVIA 30CH granuli. Tre granuli ogni sera prima di metterlo a letto. Infatti questo rimedio è particolarmente efficace quando il bimbo si sente un po' abbandonato.
    Un abbraccio ... e a risentirci!

    RispondiElimina
  15. CORREGGO: IGNATIA !!! (non ignavia...mi è partita male la tastiera)

    RispondiElimina
  16. Ti ringrazio infinitamente Marina, spero di poterti dare presto un ritorno positivo! grazie!!!

    RispondiElimina
  17. Salve ho un bimbo di 2 anni e da quando è nato si è sempre svegliato nella notte .circa 8 mesi fa lo abbiamo messo nel lettone così che al risveglio circa 3,30/4 (piange )gli do il latte che tengo vicino nel termos.si risveglia alle 7 gli do colaz e ridorme. La sera prima delle 2230 nn si addormenta ( c me nel lettone )è molto attivo e vivace .va al nido.

    RispondiElimina
  18. Ciao Tessa, questa è l'età in cui più frequentemente incominciano gli incubi. Consiglio di dare nux vomica e joscyamus entrambe alla 15 CH tre granuli di ognuno prima di dormire. Poi se riesci, togli il latte e dai una piccola quantità ( mezzo bicchiere) di latte di avena. Poi mi fai sapere se hai risolto. Un abbraccio

    RispondiElimina
  19. Buongiorno..il mio bimbo di sei mesi fino poco tempo fa dormiva otto ore filate .allattato al seno..poi dopo il vaccino e soprattutto un periodo prolungato di disturbi respiratori quali bronchite e relative cure con antibiotico trascorre la notte con diversi risvegli...mente prima lo calmavo nel lettino ,ora non c'è verso.lo devo cullare e soprattutto se non addormentato profondamente piange insistentemente.premetto che è un bambino vivace,curioso.tant' è che anche durante il giorno fatico a farlo riposare con piccoli sonnellini da 20 minuti.insomma sono un po abbattuta.spero che qualcosa migliori..con lo spuntare dei dentini forse che percepisco lo disturbano abbastanza verso sera.infiniti grazie

    RispondiElimina
  20. Consiglio Camilia fialette mono dose da applicare in tutto il cavo orale più volte al giorno per il fastidio dei denti che stanno nascendo. Per facilitare il sonno Chamomilla 30 ch granuli. Sciogliere tre granuli in mezza tazzina di acqua e poi bagnare il dito e passarlo nel cavo orale come già fatto con le gocce di camilia, solo due volte al giorno pomeriggio e sera. Poi mi faccia sapere se è migliorato. Un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La ringrazio di cuore per la risposta.provo subito .le faccio sapere volentieri.a presto by una mamma molto assonnata

      Elimina
  21. Buongiorno dottoressa le scrivo per avvisarla che il mio bambino ha avuto dei discreti miglioramenti meno risvegli notturni e soprattutto per quanto riguarda la messa a letto mi sembra si svolga con molta più tranquillità da parte sua. Spero comunque di non sbagliare nella somministrazione dei granuli che disciolti nell'acqua dopo averli passati come da Lei indicato nel cavo orale del bimbo con una piccola siringhina li dissolvo in bocca.spero appunto di non pregiudicare l efficacia in questo modo. Considerando il fatto che il mio bimbo comunque rimane molto energico vivace e fisico (pensi che stai già iniziando a gattonare a sei mesi )mi consiglia di perdurare nella cura?per quanto tempo secondo lei...un po di rilassamento non nuoce...ad entrambi. La ringrazio infinitamente se mi vorra' rispondere

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eccomi. Sta facendo una procedura esatta. Mi fa piacere che stia migliorando sensibilmente...del resto me lo aspettavo 😊
      Consiglio di proseguire così un paio di mesi, poi smettere e vedere come va in assenza di trattamento: se continua a stare bene ok , mentre se torna a manifestare agitazione si può riprendere la cura con i granuli poiché non da accumulo e non da effetti collaterali. Un abbraccio!

      Elimina
  22. Buongiorno dottoressa,le scrivo per chiederle consiglio.spero sia cosi gentile di aiutarmi nuovamente.il mio bimbo come precedentemente le dicevo con un trattamento di camilia e chamomilia 30 ch aveva avuto un netto miglioramento..uso il passato perché pultroppo e soprattutto a causa dei miei tentativi di levare il seno(rientro al lavoro fra un mesetto)ormai non dorme piu.ogni mezzora circa cerca il contatto o che il ciucio venga semplicemente. sistemato.è evidente che la motivazione è appunto questa.io lo rassicurano nel lettino e lui riparte.ma non si contano le volte che succede.ho cercato di fare un processo graduale ..ma è chiaro che la poppata serale è quella che a lui manca.la ringrazio di cuore se vorra aiutarmi

    RispondiElimina
  23. Il mio personale parere è che lo svezzamento totale dal latte materno andrebbe fatto non prima di un anno di età. Si potrebbe mettere da parte il latte in un contenitore per farlo somministrare da chi resta con lui. Se invece ha già fermato il suo latte ( con farmaci o lassativi ecc) allora non resta che il biberon. Il mio consiglio a questo punto diventa un po' limitato, cioè consiglio di continuare con i rimedi è la sera prenderlo a letto e dare ugualmente il seno per offrirgli almeno quel contatto che lo tranquillizza.
    Un abbraccio e mi faccia sapere se almeno la situazione diventa più accettabile

    RispondiElimina
  24. Buongiorno dottoressa e grazie ancora per avermi risposto. Purtroppo la scelta di allontanarlo dal seno è stata obbligata da diverse circostanze che impedivano proprio la continuazione. A distanza di qualche giorno e dopo tante coccole il bambino si è adattato bene alla situazione. Ovviamente i risvegli persistono ma sono comunque decisamente migliorati e quindi più accettabili. Infinite grazie ancora ea tutta la sua disponibilità e un abbraccio

    RispondiElimina
  25. Bene, mi fa piacere che la fase più difficile si è risolta. Un abbraccio!

    RispondiElimina
  26. Buonasera dottoressa. Ho un bimbo di 5 mesi e 10 gg. Ha da sempre il sonno molto disturbato, di notte si muove in continuazione e la messa nel lettino è disastrosa. Mi spiego meglio. Ogni volta che lo appoggio nel suo lettino apre gli occhi. Appena lo riprendo in braccio si riaddormenta e così via fino anche a 10 volte. Non so più davvero come fare. È allattato esclusivamente al seno e durante la notte ha continui risvegli (anche uno ogni ora). Le notti ormai le passo praticamente in piedi. Mi può aiutare? Grazie di cuore in anticipo.

    RispondiElimina
  27. Buon giorno, il bambino di cinque mesi può avere l'esigenza di fare anche 5-6 poppate durante la notte, anche se magari durano pochi minuti. A mio parere questo tipo di comportamento è fisiologico e quindi non deve dare preoccupazione. Capisco che però la situazione è stancante. Il mio consiglio è di dare CHAMOMILLA 15 CH granuli . Somministrare 5 granuli sciolti in una piccola quantità di acqua, bagnare il dito o prelevare 1 ml alla volta e somministrare per bocca oppure bagnare il dito e farlo ciucciare più volte fino a completa somministrazione, tutte le sere prima di metterlo a letto. Resta il fatto che è meglio per lui se viene assecondato nella sua richiesta sia di essere cullato che di essere attaccato al seno. Però magari con l'aiuto del rimedio omeopatico le sue richieste potranno diminuire. Se questo comportamento è cominciato da poco può trattarsi di un cambiamento della sua routine tale per cui ti vede di meno durante il giorno ( ad esempio se hai ripreso a lavorare) che lui cerca di compensare rifacendosi la notte. Se vedi che non basta o vuoi dirmi dettagli più precisi potremo aggiungere un altro rimedio o comportamento che gli dia sicurezza e tranquillità. Un abbraccio

    RispondiElimina
  28. Grazie per la risposta. Lo assecondo in tutto e cerco di fare il possibile. Sono ancora in maternità e lui è tutto il gg con me quindi non c'è stato nessun distacco. Ma è sempre stato così. Appena lo stacco dal mio corpo x metterlo nel suo lettino si sveglia. Ha sempre dormito nel lettone così anche x me è più facile ma da 2 mesi a questa parte non riesco più ad addormentarlo sdraiata. Mentre mangia si stacca e si gira dall'altra parte come se fosse infastidito...Questo solo a letto. X il resto è un bambino molto sveglio ed attivo. Segue tutto con attenzione.
    Grazie ancora. Le farò sapere.

    RispondiElimina
  29. Scusi dottoressa ieri ho dimenticato di dirle che mio figlio ha il sonno molto molto leggero. Ogni piccolo rumore lo sveglia. Saluti

    RispondiElimina
  30. Anche questo fa parte del quadro di chamomilla

    RispondiElimina
  31. Grazie mille. Buona giornata

    RispondiElimina
  32. Buonasera dottoressa...Le scrivo dopo circa 1 mese ed una settimana per aggiornarla sul nostro stato. La messa a letto è nettamente migliorata ma i risvegli notturni ahimè no!!
    I risvegli a parere mio non sono per fame ma per altro motivo che non riesco a capire. Inoltre finché il piccolo aveva 3 mesi ha sempre dormito nel lettone ma dopo tale periodo ha iniziato a ciucciare nel lettone e una volta finito a lamentarsi ed a voler essere tirato su. Non so se sia un problema di pancia o cosa...e comunque lo stato di agitazione nel sonno persiste. Continua a muoversi e a scalciare.
    Cosa mi consiglia di fare?
    Grazie mille per la disponibilità.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Consiglio di continuare con i rimedi già in atto. Lo stato di agitazione a mio parere è comunque fisiologico se fa il numero di ore di sonno indicate per la sua età. Sarebbe particolarmente utile che prendesse qualcosa lei per non stare in agitazione, come ad esempio un fiore di Bach: Agrimony 4 gocce 4 volte al giorno in modo da non tramettere al bimbo la propria preoccupazione. Un grande abbraccio

      Elimina

Solo commenti in italiano

Informazioni personali

Le mie foto
Marina Salomone
Mi occupo di terapie olistiche dal 1983. Hobby principale il disegno: sono su Flickr sotto il nome di Marina Salomone
per chi fosse interessato a trattare questi argomenti in maniera più appofondita c' è sempre il mio sito web ufficiale: www.GurudiTamara.com
Visualizza il mio profilo completo

Lettori 5176

Archivio blog